Testo della canzone Moncler (Young Rame), tratta dall'album 3/4

Moncler - Young Rame

La strada è fredda come il freddo di romanzo criminale
Guarda queste facce, frate dimmi chi è normale
Se la soluzione è premere un grilletto, niente male
Ma ricorda che una vita non la potrai ricomprare
Non mi fido di nessuno, tanto meno fra di te
Il mio odio mi distingue, resto fuori dai cliché
Come quando a 13 anni già ci sentivamo grandi
Con la spocchia da vissuto e stavo ancora in mezzo ai banchi
Se hai provato a fare il duro prima o poi la pagherai
Il mio tempo è prezioso su lancette Panerai
Fotto senza condom il tuo rapper preferito
L'ultimo lavoro sporco e dopo via come Carlito
Offro questa musica e il mio corpo in sacrificio
La tua tipa grida Rame quando è dentro l'edificio
Ora dalla strada son passato a Rolling Stones
E servito sei finito, pentito sembri Biagio Schirò

E se adesso sono qui
È solo grazie a me
Parlo con i demoni (sì)
E mi chiamano mon frère
Penso soltanto ai miei G
Rinchiusi nel Moncler
Sono in giro coi miei G
Soldati col Moncler

E se adesso sono qui
È solo grazie a me
Parlo con i demoni (sì)
E mi chiamano mon frère
Penso soltanto ai miei G
Rinchiusi nel Moncler
Sono in giro coi miei G
Soldati col Moncler

Per questa vida loca
Mi sei scesa come droga
Ora che il frutto proibito sfiora la bocca
Ho una 9 millimetri che mi sfiora come le tue mani
Meglio la morte che in pasto agli infami
Ripenserò ai tuoi occhi, quando mi tradisti
Uno sguardo al passato, ma non sono Kandinsky
Aspetto il giorno mentre il freddo si intensifica
Amico avevi una scelta e mi portasti una giustificazione
L'infedeltà non si giustifica
Lo sai come si dice, un bandito non ha padrone
Dalle Gescal son passato all'Universal, e
Col passare del tempo forse ti ho persa, e
Adesso premi il grilletto della beretta se
Se vuoi vedere che cazzo mi gira in testa che
Che questa vita non è stata molto onesta ma
Adesso splende il sole dopo la tempesta, seh

E se adesso sono qui
È solo grazie a me
Parlo con i demoni (sì)
E mi chiamano mon frère
Penso soltanto ai miei G
Rinchiusi nel Moncler
Sono in giro coi miei G
Soldati col Moncler

E se adesso sono qui
È solo grazie a me
Parlo con i demoni (sì)
E mi chiamano mon frère
Penso soltanto ai miei G
Rinchiusi nel Moncler
Sono in giro coi miei G
Soldati col Moncler



Credits
Writer(s): Ruben Manupelli
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.