Testo della canzone Vilipendio (Willie Peyote), tratta dall'album Sindrome di Tôret

Vilipendio - Willie Peyote

Non voglio litigare, voglio mitigare
Va beh, come vi pare
A sto giro quali idioti proverete a mitizzare?
Quale idea geniale provi ad imitare?
Da bambino ti hanno detto "sei speciale"?
Si vede, non hai fatto il militare
Si fa per scherzare e se ti sei offeso
È per gli schiaffi che non hai preso

Non riconosco la bandiera, non è vilipendio
A dare il buon esempio qualcun altro arriverà
Non riconosco la bandiera, non è vilipendio
Lascio stare i mercanti nel tempio
Io se entro bestemmio, scrivo e lo incendio
Va bene Rambo, la vita è un lampo
Ma ascolta me, qua non è che se hai due numeri fai ambo, stai calmo
La pelliccia, il fucile, gli occhiali, sbocci shampoo
C'hai la faccia di quelli che frenano al giallo
Cazzo parlo? Non comunico più ai giovani giovani
Osannati per la strada tipo "scopami, scopami"
Ma quello più che un video è una pubblicità di scarpe
Non capite l'italiano, figuriamoci l'arte
Tocca farla semplice, serve all'ascoltatore
Se è depresso e canta male, di fissa è cantautore
Copertina, recensione, genio, rivelazione
Anche se sembro Umberto Tozzi che ha sbagliato maglione
A fare in culo le icone e i mostri sacri
Non è vilipendio dirvi che ormai siete fuori tempo
Nel senso anacronistici non per i bpm
Musica per nostalgici, Modena City Ramblers
Va bene, il rap vende, sembra il paese dei balocchi
Ma sei vecchio, in un dischetto sicuro floppi
Vuoi fare il complicato? Ma a chi cazzo la racconti?
Sta black music italiana è nera come Carlo Conti
Io non rimo, divulgo e dici che sono indicato per un pubblico adulto
Che faccio un altro genere, ormai sono avulso
Ci dicessero che ci assomigliamo lo prenderei come un insulto
Quale complotto, quale potere occulto
Certe label fanno uscire tutti tipo l'indulto
Siete tutti così uguali che oramai neanche capisco
Se è una playlist di Spotify o il tuo nuovo disco

Io non voglio litigare, non mi sembra il caso
Continuate a mitizzare altri idioti a caso
E si fa per scherzare, se ti sei offeso
È colpa degli schiaffi che non hai mai preso
Io non voglio litigare, non mi sembra il caso
Continuate a mitizzare altri idioti a caso
E si fa per scherzare, se ti sei offeso
È colpa degli schiaffi che non hai mai preso



Credits
Writer(s): Guglielmo Bruno, Carlo Cavalieri Doro
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.