Testo della canzone Dettagli (feat. Hyst, Paolo) (Willie Peyote, Hyst & Paolo), tratta dall'album Non è il mio genere, il genere umano

Dettagli (feat. Hyst, Paolo) - Willie Peyote, Hyst & Paolo

I dettagli che, che ci segnano
Non li vedi quasi mai, mai
Si rivelano, poi si celano
Sanno di solo e confuso come non mai
Darsi le mani come due estranei

Piacere come ti chiami?
Perché non vieni via con me?
Ma odi i legami (Ma odi i legami)
Dobbiamo starci lontani (Dobbiamo starci lontani)
Vicini è peggio, è meglio ridere

Va bene fai così, parla da sola
Feticista dell'ultima parola
Non ho mai preso così tanti insulti in una sola mezz'ora
E questa parla ancora e ancora
Lo so, non è che devi convincermi
E altrettanto non pensavo di costringerti
Avrei dovuto stringerti forte, spingermi oltre quando era il momento
Ma mi hai battuto sul tempo

Cerco grembo materno, in un mattino d'inverno
Che se guardi fuori sembra fare buio in eterno
Ogni uomo qui ha il proprio inferno
Il mio è più o meno lì all'altezza dello sterno, i battiti confermano
Pensi volendo, menti sapendolo, il 30%
Sì, ma i numeri mentono
Fai piano col cuore colpendolo, che i vicini ci sentono
Se gli altri ti difendono, anch'io potendo

Ma non pretendo niente in cambio
Il senso del discorso è più ampio, sbagli, il diavolo sta nei dettagli
E mi accontento pur di accontentarti
E se questo è il presupposto è già tardi
Se guardi le coppie degli altri, sono foto sorridenti
Fatte coi parenti, con cui poi non parli
Sono televendite mute, poesie scritte in lingue sconosciute
Il capoufficio che non ride alle battute
C'ho provato ma ne va della salute, ci capiamo a giorni alterni
Ci allontaniamo stando fermi

Prese di posizione, l'orgoglio e i suoi germi
Spalanco gli occhi come Kermit, per vederti, vorrei tenerti
Vorrei poterti dire ancora le parole giuste
Però ne ho dette troppe e forse le ho già dette tutte
E non c'è niente di speciale
Lasciarti un bel ricordo mi fa male, quanto farmi odiare

Dovessi disegnare
La mia donna ideale avrebbe il tuo volto
Dammi un secondo
Per metabolizzare il boccone più amaro del mondo
Va bene sono pronto
O almeno credo
Vengo a piedi fino a casa tua
E arrivato torno indietro



Credits
Writer(s): G. Bruno
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.