Testo della canzone Avanvera (Willie Peyote), tratta dall'album Sindrome di Tôret

Avanvera - Willie Peyote

Devo imparare a dire no perché la gente parla a vanvera
(La gente parla a vanvera)
E non lo so per quanto ancora reggerò
Chi è il prossimo che sale in cattedra
(La gente parla a vanvera)
A parte i verbi e forse l'algebra hanno tutti da insegnare,
è un popolo di Alberto Angela
(La gente parla a vanvera)
E sei disoccupato, sei troppo qualificato,
Ma volendo fai il ministro senza laurea

Parole vuote ammassate
Prive di vita. impilate
Come un fossa comune
Come ogni cosa che fate
Per quanto alziate il volume e quante ne moltiplicate
Spesso ne modificate il senso e le mortificate
Penso che hai molti mi piace, nel senso fanno curriculum
Servono dicono
Ne ho pochi?
Boh, quant'è il minimo?
Che poi sai non discrimino, andrei pure a Sanremo
Perché convincere chi è già d'accordo è facile, scemo!
E faccio un disco che è hardcore
Anche se c'ha un'altra forma
Per arrivare a tua nonna
Perché la D'Urso è una stronza
Perché il TG non informa
E state tutti a parlare del niente
Che infondo è il niente che siete che vi ritorna
Ma il copione funziona
E la cravatta si intona
Dovrebbero farvi tacere Sindona
Ancora tanti auguri a lei e signora
Se qui non migliora, la banca pignora
Avete rotto il cazzo fricchettoni dei miei coglioni
Suonate scalzi le solite quattro canzoni
Spocchiosi e superiori come gli obiettori coi valori vuoti
E abbiamo visto anche la madre degli idioti
C'è chi aspetta la tragedia e si fionda per il mors
Come gli avvoltoi, come Adinolfi
Chi è in cerca di attenzioni, chi di voti, di un fine
Da come parli sembra che non hai preso le medicine

Devo imparare a dire no perché la gente parla a vanvera
(La gente parla a vanvera)
E non lo so per quanto ancora reggerò
Chi è il prossimo che sale in cattedra
(La gente parla a vanvera)
A parte i verbi e forse l'algebra hanno tutti da insegnare
è un popolo di Alberto Angela
(La gente parla a vanvera)
E sei disoccupato, sei troppo qualificato,
Ma volendo fai il ministro senza laurea

Devo imparare a dire no perché la gente parla a vanvera
(La gente parla a vanvera)
E non lo so per quanto ancora reggerò
Chi è il prossimo che sale in cattedra
(La gente parla a vanvera)
A parte i verbi e forse l'algebra hanno tutti da insegnare
è un popolo di Alberto Angela
(La gente parla a vanvera)
E sei disoccupato, sei troppo qualificato,
Ma volendo fai il ministro senza laurea

L'analfabetismo è funzionale
Nel senso che serve a chi comanda
Qua hanno tutti una risposta
Però qual è la domanda?



Credits
Writer(s): Guglielmo Bruno, Francesco Costanzo, Carlo Cavalieri Doro
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.