Rockol Awards 2021 - Vota!

Testo della canzone Niente (Ultimo), tratta dall'album Niente - Single

Niente - Ultimo

È che da tempo non so dove andare
Provo ad urlare ma non ho più voce
Tu dici dai si può ricominciare
Ma io non ho da offrirti più parole
Si è vero tu mi incanti anche se non mi parli
Ma il sole è spento e non lo vedo più da queste parti
Sì, è vero avevo detto che sarà per sempre

È triste ma
Quando mi abbracci non sento più niente

Quando mi siedo sopra il tetto del mondo
Mi accorgo di essere il solito
Che si rifugia nel fondo
Di questo stupido e fragile mio disonesto bicchiere
Che bevo per mandare giù
La parte mia che non si vede

Tu parli sempre di tutto
Ma non hai mai una ragione
Io che sto zitto e subisco
Penso ad un futuro migliore
Certo che cosa ti pensi
Che adesso io sia felice
Non vedi che uso il sorriso per mascherar le ferite

Io sono il solito stronzo
Che parla sempre di sé
Ma lo faccio perché tu non veda
La parte vera di me
Per questo guardami bene
Che adesso cala il sipario
Sai se la gente si aprisse
Non esisterebbe il teatro

Sarà che devo mentire
Mostrare ciò che non sono
Vorrei riuscire ad amare
Eppure io non mi emoziono
Perché sognare m'ha reso una nuvola con i piedi
Per questo siamo vicini ma con diversi pensieri, sì

È che da tempo non so dove andare
Provo ad urlare ma non ho più voce
Tu dici: "Dai si può ricominciare"
Ma io non ho da offrirti più parole
Sì, è vero tu mi incanti anche se non mi parli
Ma il sole è spento e non lo vedo più da queste parti
Sì, è vero avevo detto che sarà per sempre

È triste ma
Quando mi abbracci non sento più niente
Quando mi abbracci non sento più niente

Vedi che non ci riesco
Non sento la stessa emozione di prima
Sento che parlo ma il corpo è diverso
E vedo persone che aspettano in fila
Sono lì fuori che aspettano tutti
Gridano il nome che ho scelto anni fa
Ma il mio non è un nome d'arte
È il nome che ha scelto quel giorno per me la realtà

Io che vivevo la vita
Mia tutta dentro un parcheggio
Passavo le ore a parlare
Coi sogni dentro me stesso
Adesso guardo lo specchio
Vedo la stessa persona
Poi esco fuori di casa
E qualcosa in me non funziona

La rabbia che avevo vive tutta dentro questa mia canzone
La vita è un giro di giostra che inverte la direzione
Poi il mondo è un posto sbagliato
Con le giuste intenzioni
Ma io sono quello che ho amato
Io sono le mie canzoni, sì

È che da tempo non so dove andare
Provo ad urlare ma non ho più voce
Tu dici: "Dai si può ricominciare"
Ma io non ho da offrirti più parole
Sì, è vero tu mi incanti anche se non mi parli
Ma il sole è spento e non lo vedo più da queste parti
Sì, è vero avevo detto che sarà per sempre

È triste ma
Quando mi abbracci non sento più niente
Quando mi abbracci non sento più niente, oh

È triste ma
Quando mi abbracci non sento più niente



Credits
Writer(s):
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.