Testo della canzone La gente povera (Sud Sound System), tratta dall'album Lontano

La gente povera - Sud Sound System

Treble
Ancora c'? gente ca de fame more
E tanta aura ca nu nci crite
E nu sacciu comu face
Forsi percene nu sape
O forsi precene nu bole cu bite, si

RIT.: La gente povera more ancora de fame
La gente povera more sempre de fame
E tuttu lu restu pare quasi ca nu nci crite
E nu sacciu comu face forsi percene nu bole cu bite, ntorna

La gente povera more ancora de fame
E cu la guerra ete la prima ca ha soffrire
E ci la face perch? lu munnu ha cumannare
La giustifica in ogni modo e de ci more se ne futte

C'? povera gente ca de fame ancora more
E li governi se settane sulu pe parlare
E se poi an giru ncete qualche ribellione
Te dicune cate minti contru la nazione, ma
Se la nazione bona l'aune guidare
Nu bete ca potune sulamente parlare
Ca "le panze s'aune binchire, lu core s'ha alleggerire"
E quista cosa l'aune capire.

Rit. (2 volte)

Quiddrha ca serve? sulu considerazione
La strafottenza nu bale meju la compassione
Ca la gente povera poi se rraggia cu ragione
E se nu scappa resta e organizza ribellione, si
Percene quannu pare ca lu pesciu ha riare
Se sape lu poveru ete lu primu ca l'ha subire
Mentre ci face leggi e lu paise ha governare
Giusta le cose cussine sulu iddrhu po' mangiare
E allora se settane, se sttane pe decidere
Qual'ete lu pezzu de terra ca s'ha dividere
Nu bete ca importa se alla gente bast? pe vivere
Cu na guerra de le mani loro se po futtire
Tantu lu petroliu lu poveru nu lu bie
E l'oru mancu lu ite e poi niu lu po' mangiare
Cuss? decidune ca na guerra s'ha fare
E lagente la convincune ca nu se po' evitare.
E parlane...
E decidune lu bonu pe iddhri e puru lu fiaccu pe l'auri.
E portane
Sofferenze su soffreneze agnasciu, chieu isciu!

Rit. (2 volte)

Ma comu ogni petra azza parite
Quiddrhu ca dicu chieu ongunu lu ite
E se puru n'auru sulu n'auru nci crite
Forsi sarvamu doi vite.
Allora ogni fiata ca li sienti parlare
Quisti ca organizzane l'ordine modiale
Le mani loru bone l'hai guardare
Su bagnate de lu sangu de la gente ca sta more!

Rit. (2 volte)



Credits
Writer(s): Pierluigi De Pascali, Antonio Salvatore Petrachi
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.