Testo della canzone Coccodrilli (Samuele Bersani), tratta dall'album Samuele Bersani

Coccodrilli - Samuele Bersani

In America lo sai che i coccodrilli vengon fuori dalla doccia?
(Doccia)
E che le informazioni meteo sono prese pari pari dalla Bibbia?
(Bibbia)
Non dirmi che non ci sei stata mai
Che non vorresti esserci nata mai
Che preferisci rimanere solo qua
Nella provincia denuclearizzata
A 6 chilometri di curve dalla vita
E dire a tutti che sto bene, sto benissimo a sapere
Che voi state bene insieme quando vi vedete

L'amicizia che non passerà mai
Mi sento male a un osso per l'umidità, ahi!
Avevo voglia di prestarti qualche cosa
O solamente di riuscire a fare tardi
Con la scusa di parlarti
E di toccarti
E di salvarti

E come rosso il pomodoro
Se lo schiacci contro il muro, o sulla pancia
(Pancia)
Sono Dracula in azione, sotto il sole e col sudore sulla guancia
(Guancia)
Una metafora come si fa?
Mi viene una poesia o la verità
Ti fermeresti per la scena ancora un po', che ti riprendo
Ma dove sei finita?
A dare l'acqua con il tubo alla tua ortica
Vieni subito a vedere, lascia crescere le pere
C'è un tramonto giapponese sopra quel paese

L'amicizia che non passerà mai
Mi sento male a un osso per l'umidità, ahi!
Avevo voglia di prestarti qualche cosa
O solamente di riuscire a fare tardi
Con la scusa di parlarti
E di toccarti
E di salvarti

E spunta il nuovo fiore, l'agente immobiliare
Come lo volevi tu
Ma se cancelli il mio ricordo succede che son morto
Vedi, non esisto più
Coprendo il buco non parlo, ma vibro come un tarlo
Dopo non finisco più
Non c'è confine di proprietà se ci si ruba la libertà
Non c'è confine di proprietà
La carriola dove va?

In America lo sai che i coccodrilli vengon fuori dalla doccia?
(Doccia)
E che le informazioni meteo sono prese pari pari dalla Bibbia?
(Bibbia)
Non dirmi che non ci sei stata mai
Che non vorresti esserci nata mai
Che preferisci rimanere solo qua
Nella provincia denuclearizzata
A 6 chilometri di curve dalla vita
E dire a tutti che sto bene, sto benissimo a sapere
Che voi state bene insieme quando vi vedete

L'amicizia che non passerà mai
Mi sento male a un osso per l'umidità, ahi!
Avevo voglia di prestarti qualche cosa
O solamente di riuscire a fare tardi
Con la scusa di parlarti
E di toccarti
Coprendo il buco, non parlo, ma vibro come un tarlo
Dopo non finisco più
Non c'è confine di proprietà
Se ci si ruba la libertà
Non c'è confine di proprietà
La carriola dove va?



Credits
Writer(s): Samuele Bersani, Giuseppe D'onghia
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.