Testo della canzone Animale senza respiro (Osanna), tratta dall'album Palepoli

Animale senza respiro - Osanna

Da un Olimpo innalzerai
Sacri altari per gli dei.
Giacerà nei tuoi templi,
Muta, l'immortalità.
Brucerai aspri incensi
E in quel fumo annegherai.
Falsi miti invocherai.
Animale! Animale! Crollerai! Crollerai!

Animale senza più respiro,
Massa informe di materia umana,
Vaghi con la mente in un delirio che non ha più fine dentro te.
Paghi con la vita le rovine che segnato sull'umanità.

Non ha più tempo,
Non hai più ore,
Non hai più forza di credere in te.
In questo metro di vita che hai.
Cerchi l'aria di un respiro.
Non hai più tempo,
Non hai più ore,
Non sei più niente.

Nuvole di lana fredda coprono la tua agonia.
Un lamento al cielo involerai verso gli dei.
Nessun senso ha quel Dio che dice: sono Io! Sono Io!
Sentilo in quel soffio che respiri e non sai che è lui.

La purezza di una infanzia
Violentata in noi
Che tu pagherai...
Utopia di civiltà,
Dal fango dietro te
Maschere di noi,
Falsa verità,
Volti nuovi e poi... la libertà.

Hai distrutto la mia età,
La mia forza è vuota. Animale!
Utopia di civiltà, pioggia di viltà, hai creato.
No! Non rivivranno mai maschere di noi, false verità.
Voglio ancora sogni di campane che suonano.

Poche ore di viltà
Vivranno ancora in te.
Poche ore di viltà
Vivranno ancora in te.
Brucerai.
Animale brucerai.
Le mani tenderai ma,
L'odio che tu hai,
Non morirà, non morirà.

Brucia fiamma terrena,
Brucia il suo corpo,
Perché la sua morte,
Dalla furia del vento,
Viene travolta con sé.
Brucia fiamma terrena,
Brucia il suo corpo,
Perché la sua morte,
Dalla furia del vento,
Viene travolta con sé.

Animale senza più respiro,
Con la morte già sul volto tuo.
Prega la tua ora nel silenzio per l'inferno che hai creato.
Il tuo dio non odia il tuo respiro.

Sguardi nel cielo: la follia divina,
Che vola, che ride, che danza.
Qui sulla terra la gente meschina per fare lo stesso s'ammazza.
Quante speranze di cuori dorati,
Lambiscono un canto che s'alza.
Ma nello spazio di un'alba vicina,
Quel canto è una festa di guerra.
Visi di roccia tra fiumi di pianto
Dipingono gli occhi degli astri
E sulle bocche uno sputo d'amore
S'informa di un riso di morte.



Credits
Writer(s): Pasquale Vairetti, Danilo Rustici
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.