Testo della canzone Rodianella (Musicanova), tratta dall'album Garofano d'ammore

Rodianella - Musicanova

Mi trovo dint'a n'orto di viole
Ma pi crianza non ne tocco una
Eaja fatto liti pi lu sole
Eaja fatto liti pi lu sole
E vulevo cantà li stelle a una a una

E vulevo cantà li stelle a una a una
Ma li stelle non ci contino a una a una
E ci contino a centinaia di miliune
E ci contino a centinaia di miliune

Vojellà ci voglio bene e non lu sa
E si bene non ci voleva
A cantà non ci veneva
Bene ci ajo voluto a cantà ci aje venuto

L'aria tutti pi 'ntorni
L'aria tutti pi 'ntorni
Mo' ca lu vecchio amanti è riturnato
Mo' ca lu vecchio amanti è riturnato
Cientu campani al giorno pi mme sunavano

Al giorno pi mme sunavano
Cientu campani al giorno pi mme sunavano
E dicevano ca jevi morti assassino
Ma nun so' morti no, so' vivo ancora

Ma so' vivo ancora
Ma nun so' morti no, so' vivo ancora
E aje campà a lu munno pi amà 'sta donni
E aje campà a lu munno pi amà 'sta donni

Munno pi amà 'sta donni
E aje campà a lu munno pi amà 'sta donni
Vojellà ci voglio bene e non lu sa
L'occhi pi l'occhi e lu cori pi lu cori
A chi vo' male a nui l'hanno ascì l'occhi da fori

'Sta donni
A lu spuntà lu suli aje visto 'na donne
Putenzia de lu cristo quanni era belle
Et l'avea capilli ricci e faccia tonne

'Sta donni
E l'avea capilli ricci e faccia tonne
Bianca come la nevi a la muntagne
Dio, assammilla avé 'sta donna belle

Giuvinotti di quattordici anni
Da picculini m'aje cavatu lu core
Da picculini m'aje cavatu lu core
Quanno ti metti chilli puliti panni

I panni
Quanno ti metti chilli puliti panni
Mi pari nu mazzetto di viole
Nu mazzetto di viole appena colte
Prima di abbandunà voglio la morte
Voli videre chi mi chiangi forte

La morte
Voli videre chi mi chiangi forte
E mi chiangi chella mamma che m'aje fatti
E mi chiangi chillu pati che m'aje crisciuti

Vojellà, vojallì, vojellà
E lu surcio sotto la tina
Sotto la tina lu surcio stà
Ma la gatta malandrina
Piglia lu surcio sotto la tina

E lu surcio 'ncopa la cascia
'Ncoppa la cascia lu surcio stà
Ma la gatta vascia vascia
Piglia lu surcio 'ncoppa la cascia

E lu surcio dint' a lu letto
Dint' a lu letto lu surcio stà
Ma la gatta malidetta
Piglia lu surcio dint' a lu letto

A bella si' e pazzia lu fa
E si bella tu non c'ivi
Pazzia non lu facivi
E me n'ha fatto annamurà
La cammenatura e lu parlà

La donna quann'è bella
Te n'addune alu cammenà
E lu passo lungo e stritto
La vunnella fa girà



Credits
Writer(s): Eugenio Bennato, Dp
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.