Testo della canzone Romanzo Famigliare (Montenero feat. Ivan Reznik), tratta dall'album Paulie Gualtieri

Romanzo Famigliare - Montenero feat. Ivan Reznik

Cresci una famiglia intera due generazioni
Racconti dello scorso secolo top di emozioni
Sei senza voce
Dolori lancinanti agli arti
Nonna Mi guardi e mi ringrazi che vengo a trovarti
Tutti sti flash noi dieci bambini selvaggi
Tu che mi sgridi per i tatuaggi
Io resto un figlio orgoglioso della tua stirpe
Di Gioia dentro il sangue è ciò che ci distingue
Tu sei le fondamenta
Ora ne ho più di trenta
Ed è una vita che mi illumini con la saccenza
Mi portavi all' asilo alle nove
Ed ora Dio mi mette davanti ste prove
Tu resti sempre con me finché non ti raggiungo
E sono fiero di te
Ma in un modo assurdo
Nell' altra stanza ci abbracciamo dove non ci vedi
La conosciamo la fortuna di essere tuoi eredi

Frate mia zia Lucia è come se fosse mia mamma
Nelle Popo è la regina ma senza spacciarla
Drammi nella bio resta un marchio di famiglia
In questo inferno di dio
Resta un diamante che brilla
Anni 70
Esodo nella metropoli
È una storia che incanta fin troppi popoli
I vicini fan casino nella casa a fianco
Lei con due figli ora i nipoti io asciugo il suo pianto
Faccio tre piani tre gradini alla volta
Lei mi aspetta alla porta
Mal di schiena un po' storta
Mi prepara da mangiare e mi vuol bene come un terzo figlio
E quando ho bisogno frate so' che non stecca il consiglio
Stesso sangue coi parenti ci ho dormito troppo
Massi, Dany, Mury a cena fra beviamo un botto
Facciamo un brindisi a chi ha dato il via a sta dinastia
Questa gente questo nome è solo roba mia

Fuori da quella porta attesa sopra il marciapiede
La prima volta sono stato in shock almeno un mese
Mandavo lettere macchiate di lacrime e inchiostro
Ma quei due anni han cementato Sto nostro rapporto
Ti sbagli Nek per me Laura c'è sempre stata
Stavo in cantina sbirciando il mondo da una grata
Ah
Lei mi diceva di avere pazienza
Quant'era vero ma sognavo vendetta e sentenza
Lei mi ospitava senza chiedermi niente in cambio
Adolescente con la testa bloccata dal fango
Se ci penso adesso ancora sai a volte ci piango
Per la famiglia muoio
Nonno Luigi sei santo
Questa notte prego Dio si ricorda del nome
Poi esco e torno barcollando fino al portone
Ah
Lo so non merito benedizione
Di Gioia è il mio cognome
Questa è solo tradizione

Morirei per voi anche nel peggio dei modi
Figlio di un re e di una regina noi tra mille nodi
Mamma s' incazza se bestemmio e io provo a fermarmi
Mio padre stava in ospedale pensavo a spararmi
Sta merda non l'ho raccontata mai nemmeno a Dio
Mia zia ci crede ed ogni sera prega padre Pio
Ma quant' è brutto stringer patti col diavolo
Con un chupito mi appartavo ed era conciliabolo
Mia nonna in punto di morte mi ha detto
Non ti fidar di nessuno e io amore prometto
Ho pianto come un bimbo mentre parlavo in dialetto
Sei tale e quale a tuo padre sei stato un figlio perfetto



Credits
Writer(s): Alessandro Di Gioia
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.