Testo della canzone Il giorno dopo (CAROTA #1) (Lo Stato Sociale feat. Willie Peyote & Mamakass), tratta dall'album Attentato alla musica italiana

Il giorno dopo (CAROTA #1) - Lo Stato Sociale feat. Willie Peyote & Mamakass

C'è troppa gente dentro di me
E ognuno vuole parlare
E prova a suonare senza spartito, senza direzione
Tu sei come un vettore
Che unisce i miei punti di sospensione
Sei una riga dritta come l'equatore

Tu non rispondi, ma so che mi guardi
Con un iPhone incastrato tra i polsi
Tu sei un fischio costante
Tra l'orecchio e le tempie
Sei un patto di sangue
Con le paure di sempre

Non so come dirtelo
Che i tuoi occhi brillano
Come bombe sotto l'oceano
Io t'ho vista andarci sotto
Naufragare in un futon di legno
Piangere e asciugarti col gatto
Ma tornare come nuova il giorno dopo
Chissà chi sei tu il giorno dopo?

Questa vita è una battuta
È una commedia tratta da una storia vera
E chi l'avrebbe detto mai che dopo Cina e America Latina
Avremmo visto insieme anche una quarantena?
Com'è che si diceva? Maledetta primavera
Stare vicini è un rischio, il gioco vale la candela
Tu sei come il fuoco, io mi sciolgo tipo cera quando ci sei tu
Mi azzera e se si spegne resta niente quando non c'è più
Solo una chiazza senza forma
Che indietro non si torna
Ma pressapoco fai come il gatto col topo
Se siamo fatti d'acqua, tu per me sei un maremoto
Ti cerco dentro gli altri, scavo a fondo e non ti trovo
Ma tu, quando lo fai, poi come stai il giorno dopo?
Io vuoto

Non so come dirtelo
Che i tuoi occhi brillano
Come bombe sotto l'oceano
Io t'ho vista andarci sotto
Naufragare in un futon di legno
Piangere e asciugarti col gatto

Com'è che non ti addormenti bene?
Com'è che non sai chi chiamare?
Hai l'anima sopra la pelle e ti fa tutto così male
Tu non mi parli, ma so che mi ascolti
Fai rumore per le cose che pensi
Tu sei un fischio costante
Fra le orecchie e le tempie
Sei un patto di sangue
Con le paure di sempre

Non so come dirtelo
Che i tuoi occhi brillano
Come bombe sotto l'oceano
Io t'ho vista andarci sotto
Naufragare in un futon di legno
Piangere e asciugarti col gatto
Ma tornare come nuova il giorno dopo
Chissà chi sei tu il giorno dopo?

E tornare come nuova il giorno dopo
Chissà chi sei tu il giorno dopo?



Credits
Writer(s): Alberto Cazzola, Alberto Guidetti, Lodovico Guenzi, Enrico Roberto, Matteo Romagnoli, Francesco Draicchio, Guglielmo Bruno
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.