Testo della canzone Luce (Linea 77), tratta dall'album Oh!

Luce - Linea 77

Luci che accecano in disperati silenzi.
Si abbandonano i sensi all'ingiustizia dell'oro,
E corrono gli istanti fin dalla notte dei tempi.
Assurda è la vita per chi non sà cosa vuole.

Io non so piu' chi sono.
Gusto amaro in bocca.
Lentamente avanzo barcollando sotto questo cielo nero.
Pioggia che si attacca alla mia pelle.
Urlo contro il buio.
Assordante silenzio la mia condanna.
Malinconia.
L'incessante respiro, segno che sono vivo.
Le lacrime mi annebbiano lo sguardo, non aiuta il vento.
Inesorabilmente svengo!

In ogni goccia di sangue che cade,
N ogni amico che vedo sparire,
Penetra nel corpo il peso del distacco.
è la mia nuova identità!

Luce, immagine riflessa di me stesso a testa bassa,
Nervi a fior di pelle stringo i pugni chiusi in tasca,
E insisto nel sentirmi sempre peggio.
Ghiaccio nelle vene.
Pensare troppo non conviene e poi comunque a cosa serve?
Diamoci per vinti, che un pretesto è sempre falsità.
Insisto nel sentirmi sempre peggio.
Luce che non c'è.
Io non esisto senza te!
Io non esisto senza te!
Io non esisto senza te!
Io non esisto!

Luci che accecano in disperati silenzi.
Si abbandonano i sensi all'ingiustizia dell'oro,
E corrono gli istanti fin dalla notte dei tempi.
Assurda è la vita per chi non sà cosa vuole.

Luce, immagine riflessa di me stesso a testa bassa,
Nervi a fior di pelle stringo i pugni chiusi in tasca,
E insisto nel sentirmi sempre peggio.
Ghiaccio nelle vene.
Pensare troppo non conviene e poi comunque a cosa serve?
Diamoci per vinti, che un pretesto è sempre falsità.
Insisto nel sentirmi sempre peggio.
Luce che non c'è.
Io non esisto senza te!
Io non esisto senza te!
Io non esisto senza te!
Io non esisto!

Sogno una tempesta che distrugga la città
Che curi la ferita in questo cuore fatto pietra
Aspetto un'emozione che colpisca e mi sorprenda
Oggi sono luce dentro un battito di ciglia
Sentiero buio, in branco come lupi
Consapevolmente s'incatenano gli schiavi,
La forma del vuoto, il vuoto delle forme
Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie
La forma del vuoto, il vuoto delle forme
Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie
La forma del vuoto, il vuoto delle forme
Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie



Credits
Writer(s): Davide Pavanello, Paolo Pavanello, Nicola Sangermano, Christian Montanarella
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.