Testo della canzone Flussi informativi (Linea 77), tratta dall'album Venareal 1995

Flussi informativi - Linea 77

20° secolo 1-9-9-5 tra il fumo periferico agisce e si distingue un tracciato,
Segnato da confini come uno stato indipendente da forme vecchie o nuove o del controllo della mente,
77, ruvido e contorto, il suono pare veloce, il bersaglio è il tuo corpo,
Immobile. futile, labile come un segno del destino,
Senti qualcosa che cambia, cerchi di bloccarlo invano.
Lungo i bordi della mano cambiamento e mutazione,
Siamo attori di commedie quotidiane senza trame,
Tra ruggine, fumo e metallo torino è in espansione,
La città è sempre chiusa ma qualcosa dentro si muove. cosa?
Scelte nuove I.F.C. intensi flussi comunicativi, attenti, intenti,
A scoprire il lato oscuro delle cose quotidiani, semplici, noi siamo i complici,
Dell'assassino lessicale che imperversa, nelle coscienze schiave di rimorso di speranza,
10, 100, al massimo 110 teste, guardano 5 persone racchiuse in un unico circolo, fatto di vibre e suoni aperti, in gara.
Fiera alienazione da realtà urbana, fredda chiusa nella nebbia, la mia gente ha solo rabbia.
Se provi a gurdare dietro le cose vedi, l'onirico sogno italiano che si muove sotto i piedi,
Lentamente sale nella fascia laterale del tuo corpo, per poi salire in cima a scalfire quello smalto,
Per anni è rimasto l'unico punto fermo della tua immunità di uomo libero,
Giusto e democratico, pragmatico e realista ma ora stai attento i punti neri sono in pista a vista spara, cerca di capire quel che è falso e quel che è vero.
Guarda se il rosso l'han nascosto sotto il nero.
Di una cosa sono certo di una cosa sono fiero, sono come i "sanguemisto" e mi sento uno straniero. Siamo campionamenti di modelli da seguire ma siamo anche capaci di inventare una rivoluzione, basata su concetti di uguaglianza tra persone, a prescindere dal fatto che sei giallo o sei marrone.
La voce si muove veloce per conpensare gli spazi privi di concetti costruttivi, con dei lati positivi, e dei lati negativi, questo è il mondo dove vivi.
Senza inchini, senza legami, sputa sopra i vecchi legimi.
Vivi in un mondo dove ogni cosa adesso ha un prezzo, e l'altezza di quest'ultimo dipende dalla razza.
Le insegne luminose attirano gli allocchi, guarda dietro il confine dei tuoi occhi.



Credits
Writer(s): Davide Pavanello, Emiliano Carlo Audisio, Paolo Pavanello, Nicola Sangermano, Christian Montanarella
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.