Testo della canzone Face of Oblivion (High On Fire), tratta dall'album Spitting Fire Live Vol. 2

Face of Oblivion - High On Fire

Ghosts of forever ride the pale twilight
Teller of the tale lives beneath the ice
Shadow of the haunter creeps within our sight
As we lay sleeping... Horror

Shunned dead city in the acrid cold
Thawed out the specimens as the blood unfolds
Blasts uncover terrors that shouldn't be
Elder race lives... Arkham

Expedition through the titan mountains
Sepulchre unveils beings arcane
Things uncovered make the men insane
Embrace our madness

The blood I shed for you was divine
So turn you head and leave it denied
I call your name in the cold of the night
Now you've become the serpent's spine



Credits
Writer(s): Desmond Wayne Kensel, Matthew Lance Pike
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.