Testo della canzone Incomprensioni (Fabri Fibra), tratta dall'album Chi Vuole Essere Fabri Fibra ?

Incomprensioni - Fabri Fibra

Vorrei vivere in una bolla per sempre
Tra la gente che urla e non sentire niente
Vorrei fare come Totò Schillaci
E andare via dall'italia anche se tu mi piaci
Vorrei chiedere al presidente del consiglio
Quando a tempo e se ha voglia può darmi un consiglio
Come fa una persona con questa busta paga
A mantenerci una casa mantenerci un figlio
A volte sembra che ci mettano a dura prova
Stiamo tutti in coda anche se c'hai l'auto nuova
E tutto costa doppio perché tutto di moda
E pure io che ti sembravo volgare sono il più normale

Le incomprensioni sono cosi strane sarebbe meglio evitarle sempre
E non rischiare di aver ragione che la ragione non sempre serve
Le incomprensioni sono cosi strane sarebbe meglio evitarle sempre
E non rischiare di aver ragione che la ragione non sempre serve

Quando ci siamo incontrati sembravo un tipo tranquillo
Ma io non canto canzone come Michele Zarrillo
Pensi che ho avuto una mano
Ho fatto tutto da solo
Il mio trucco è stato nel trovarmi un ruolo
Ma sono vittima del mio personaggio
E me ne accorgo quando parlo allo specchio da solo
Che lo incoraggio e dico:

"Vai fibra vai fibra, dillo a tutti che prima di cominciare li hai già distrutti"

E la gente ne esce matta quando accade davvero
Quando parti da zero e ci arrivi davvero
Ma succede solo un caso su mille e cento
E se ancora non c'è l'ho fatta
Allora ho perso troppo tempo!

Le incomprensioni sono cosi strane sarebbe meglio evitarle sempre
E non rischiare di aver ragione che la ragione non sempre serve
Le incomprensioni sono cosi strane sarebbe meglio evitarle sempre
E non rischiare di aver ragione che la ragione non sempre serve

La gente mi domanda ma sei un'artista?
La tua faccia già la conosco lo giuro l'ho già vista
Non dire no dai non fare l'artista
Devi stare con noi vedrai starai bene con noi
Quando poi la magia finisce
Ritorni a casa c'è tua madre che pulisce
Ti dice non puoi che non ti capisce
Accendi la tv che ti rincoglionisce e gridi:
Le incomprensioni sono cosi strane sarebbe meglio evitarle sempre
E non rischiare di aver ragione che la ragione non sempre serve
Le incomprensioni sono cosi strane sarebbe meglio evitarle sempre
E non rischiare di aver ragione che la ragione non sempre serve



Credits
Writer(s): Tarducci Fabrizio, Pesce Andrea, Zampaglione Federico, Triolo Camilla
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.