Testo della canzone L' Ultima Volta Che Ho Visto I Tuoi Occhiali (Carlo Fava), tratta dall'album L'Uomo Flessibile

L' Ultima Volta Che Ho Visto I Tuoi Occhiali - Carlo Fava

Vedi come ci si mette a volte la vita; come una sentenza storta, un po' di traverso e non ti fa passare né di qua né di là. Non ho più notizie di te, né tu di me.
Non so se era abitudine, consuetudine, se era dirsi le cose e stare bene.
So che era come se fosse stato per sempre.

E cosa c'è che non va, cos'è che non torna, cos'è che sta andando via?
Secondo me sono gli oggetti che complicano le cose, così inanimati, così fermi eppure piccoli irrinunciabili prolungamenti di noi stessi; se mettessimo in fila i nostri oggetti troveremmo le ore e i minuti di ogni cosa, di quando il tempo era solo davanti.

Sto guardando il mio lampadario nuovo ed è come se una luce amica mi sfiorasse; potremmo fare belle cose io e te! Mi viene da pensare, sotto questa luce, mi viene da considerare
Ho comprato un lampadario nuovo talmente bello
Potremmo fare dei bei discorsi io e te, mi viene persino da leggere sotto questa luce, mi viene quasi da riflettere.

Ma vedi come ci si mette la vita; come una sentenza storta, un po' di traverso e non ti fa passare ne di qua ne di là.

L'ultima volta che ho visto i tuoi occhiali
Eran sul tavolo della cucina
Eran nel cielo di una mattina
Eran nel rosso del nostro tramonto
Erano un saldo scambiato per sconto

L'ultima volta che ho visto i tuoi occhiali
C'erano nuvole fuori quartiere
Eran finiti i posti a sedere
C'era il mercato nel posto sbagliato
E c'era il tuo cuore in pessimo stato

C'è un viaggio lungo c'è un viaggio breve
C'è una stazione in mezzo alla neve
C'è un treno che passa e si ferma al confine
C'è un doganiere che segue il suo cane

L'ultima volta che ho visto i tuoi occhiali
Erano sporchi di carta carbone

Era un ricordo di un'altra stagione
C'erano idee di ogni ordine e razza
Che stavano immobili in mezzo alla piazza

L'ultima volta che ho visto i tuoi occhiali
C'erano stelle senza cadere
C'era un passaggio di nuvole nere
C'era il mercato nel posto sbagliato
E c'era il mio cuore in pessimo stato

C'è un viaggio lungo c'è un viaggio breve
C'è una stazione in mezzo alla neve
C'è un treno che passa e si ferma al confine
C'è un doganiere che segue il suo cane

C'è un viaggio lungo c'è un viaggio breve
C'è una stazione in mezzo alla neve
C'è un treno che passa e si ferma al confine
C'è un doganiere che bacia il suo cane

Vedi come ci si mette a volte la vita; come una sentenza storta, un po' di traverso e non ti fa passare nè di qua nè di là.
O così almeno mi sembra che sia.



Credits
Writer(s): Carlo Fava, Gianluca Martinelli
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Disclaimer: i testi sono forniti da Musixmatch.
Per richieste di variazioni o rimozioni è possibile contattare direttamente Musixmatch nel caso tu sia un artista o un publisher.

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.